Come creare una parete divisoria viva con piante tra soggiorno e cucina?

Nella società contemporanea, l’open space è diventato uno stile di vita. L’idea di unione tra diverse zone della casa è sempre più diffusa, ma in alcune situazioni potrebbe essere necessario creare una separazione tra ambienti condivisi come il soggiorno e la cucina. Una soluzione può essere quella di creare una parete divisoria viva: un’opera d’arte della natura che divide e al contempo arreda. Vediamo insieme come realizzare questo progetto.

Perché dividere gli spazi con le piante?

Prima di addentrarci nel "come", affrontiamo il "perché". Le piante sono elementi d’arredo sempre più apprezzati sia per le proprietà estetiche, sia per i benefici che portano nell’ambiente domestico. Possono migliorare la qualità dell’aria, ridurre lo stress e contribuire a creare un’atmosfera calma e rilassante. Utilizzare le piante come parete divisoria può essere un modo creativo e naturale per separare gli spazi, mantenendo al contempo un senso di apertura e condivisione.

Cela peut vous intéresser : Come progettare un’illuminazione a sospensione sopra un’isola cucina centrale?

Scelta delle piante

La prima cosa da considerare quando si decide di creare una parete divisoria viva è la scelta delle piante. Non tutte le piante sono adatte a questo scopo. Dovrete scegliere piante resistenti e di facile manutenzione, che possano tollerare i cambiamenti di temperatura e le correnti d’aria. Inoltre, dovrete tener conto dell’esposizione alla luce naturale della vostra casa.

Alcuni esempi di piante adatte possono essere il Ficus, l’Areca o la Sanseveria. Queste piante hanno una crescita rapida e un fogliame denso, ideale per creare una barriera naturale. Prima di procedere all’acquisto, però, vi consigliamo di fare una ricerca approfondita o di chiedere consiglio a un esperto.

A voir aussi : Quali strategie si possono adottare per ridurre il consumo di energia di grandi elettrodomestici?

Struttura di sostegno

Una volta scelte le piante, dovrete creare la struttura di sostegno. Questa può essere un semplice scaffale, una libreria aperta o un sistema di mensole sospese. L’importante è che sia solido e in grado di supportare il peso delle piante.

Una libreria aperta può essere una soluzione interessante perché vi permetterà di creare una divisione senza bloccare completamente la vista. Inoltre, potrete utilizzare alcuni ripiani per esporre oggetti di design o libri, rendendo la vostra parete divisoria un elemento di arredo funzionale e decorativo.

Come disporre le piante?

Disporre le piante sulla struttura è un’arte. Non esiste una regola fissa, ma ci sono alcuni consigli che potrebbero aiutarvi. Ad esempio, potreste disporre le piante più alte in cima e quelle più basse in basso, per creare un effetto cascata. Oppure, potreste disporre le piante secondo le tonalità dei colori, creando un gradiente di verde.

Un altro aspetto da considerare è la forma delle foglie. Piante con foglie larghe e rigide, come il Ficus, possono essere utilizzate per creare una barriera visiva più densa, mentre piante con foglie piccole e pendenti, come la Pothos, possono essere utilizzate per aggiungere un tocco di morbidezza e movimento.

Manutenzione della parete divisoria viva

Infine, non dimenticatevi della manutenzione. Una parete divisoria viva richiederà una cura costante per mantenere le piante in salute. Ogni pianta ha bisogno di acqua, luce e nutrimento. Inoltre, dovrete fare attenzione a non sovraffollare lo spazio, per permettere alle piante di respirare e crescere.

Ricordatevi anche di pulire la struttura di sostegno regolarmente per rimuovere la polvere e gli eventuali residui di terra. Se seguirete questi consigli, avrete una parete divisoria viva che non solo dividerà lo spazio tra soggiorno e cucina, ma arricchirà la vostra casa con un tocco di verde e natura.

Ricorda, creare un ambiente che rispecchi il tuo stile e le tue esigenze è fondamentale per sentirsi a proprio agio nella propria casa. Una parete divisoria viva può essere la soluzione giusta per te se ti piace l’idea di avere un angolo di natura in casa e se sei disposto a dedicare un po’ del tuo tempo alla cura delle piante. Buona creazione!

Personalizzazione della parete divisoria viva

La bellezza della creazione di una parete divisoria viva è che può essere completamente personalizzata secondo i tuoi gusti e le tue esigenze. Possiedi un open space con cucina soggiorno e desideri definire la zona giorno senza precludere la visuale o la luminosità? Le piante da appartamento possono essere le tue alleate. Oppure, hai una camera da letto che condivide lo spazio con un angolo studio e ti piacerebbe dividere gli ambienti senza ricorrere a inestetiche pareti divisorie? Un giardino verticale può essere la soluzione che fa per te.

Prendi in considerazione anche l’interior design della tua casa. Le piante scelte dovrebbero rispettare e integrarsi con lo stile degli arredi. Se hai un arredamento minimalista, opta per piante con foglie lineari e colori sobri. Se invece il tuo stile è più esotico, potresti considerare piante tropicali o succulente per la tua parete divisoria.

Inoltre, una parete divisoria viva può essere arricchita con elementi decorativi a tema natura, come piccoli quadri raffiguranti paesaggi, oppure accessori in legno o in bambù. Questi tocchi personali renderanno la tua parete divisoria non solo un elemento funzionale, ma anche un vero e proprio punto di interesse visivo nella tua casa.

Le pareti divisorie viventi per ogni stanza

Non solo la divisione tra cucina e soggiorno può trarre beneficio da una parete divisoria viva. Anche la camera da letto, l’ufficio o la zona pranzo possono essere arricchiti da una tale soluzione. La chiave è sempre scegliere piante appropriate per il contesto.

Nella camera da letto, ad esempio, potresti optare per piante che migliorano la qualità del sonno, come la lavanda o l’aloè vera. Invece, per l’ufficio in casa, sarebbero ideali piante che purificano l’aria e favoriscono la concentrazione, come la sanseveria o la spatifillo. Infine, per la zona pranzo, potresti scegliere piante commestibili, come le erbe aromatiche, che oltre ad essere belle da vedere, possono essere utili in cucina!

Conclusione

Creare una parete divisoria viva in casa è un progetto che richiede tempo e dedizione, ma i benefici che ne derivano sono inestimabili. Non solo potrai dividere gli spazi in modo creativo e naturale, ma avrai anche l’opportunità di portare un pezzo di natura all’interno della tua casa, contribuendo a migliorare la qualità dell’aria e a creare un’atmosfera rilassante.

Ricorda sempre di scegliere piante adatte alle condizioni della tua casa e di prenderti cura di loro con costanza. Un giardino verticale ben curato non solo sarà un elemento di design unico e accattivante, ma sarà anche una testimonianza del tuo amore per la natura e del tuo impegno per la sua conservazione.

Che tu decida di dividere la tua cucina dal soggiorno, la camera da letto dall’angolo studio, o semplicemente di creare un angolo verde in casa, una parete divisoria viva è una scelta che non ti pentirai. Buon divertimento nella creazione del tuo angolo di paradiso domestico!

Diritto d'autore 2024. Tutti i diritti riservati